Per molti, con settembre, arriva il tanto atteso primo giorno di lavoro in azienda. Le emozioni che lo accompagnano sono molte, trepidazione per un nuovo inizio, un po’ di agitazione, voglia di dedicarsi al progetto, desiderio di farsi conoscere e conoscere una nuova realtà.

Travolti dall’entusiasmo o dalle paure, vediamo insieme quali possono essere piccoli suggerimenti per iniziare con il piede giusto nei primi giorni di lavoro.

Orari e riferimenti

Avrete sicuramente concordato con il vostro capo una data di inizio, ma anche un orario; ricordate che il vostro ingresso avverrà in un contesto già organizzato, con delle routine definite a cui dovrete adattarvi e ambientarvi. Cercate, quindi, di rispettare le indicazioni che vi vengono date circa gli orari di ingresso (e uscita) e le persone a cui fare riferimento. Non presentatevi con troppo anticipo, non è detto che il vostro tutor o responsabile sia operativo o disponibile, nè in ritardo; qualora non sapeste esattamente in quale piano o locale recarvi, presentatevi accennando agli accordi definiti e riferendo il nome della persona che vi aspetta. Non siate neanche i primi ad andare via allo scoccare dell’ora conclusiva, cogliete l’occasione per osservare le abitudini dei colleghi e, magari, di uscire insieme dall’ufficio scambiando qualche chiacchiera.

Formalità e dress code

Durante i vari step dell’iter selettivo, dovreste aver colto lo spirito e le caratteristiche dell’azienda in cui siete stati assunti, così come le preferenze e le abitudini in termini di formalità e dress code. Nel caso non vi fossero chiare le linee aziendali, chiedete pure se si tratti di un contesto informale o, al contrario, se siano sempre graditi giacca e camicia: non rischierete così, nei primi giorni, di trovarvi in t-shirt e scarpe da ginnastica tra colleghi in abito, o, al contrario, di dover indossare la cravatta su un colletto inamidato in un team in jeans e maglietta.

Facciamo conoscenza e prendiamo confidenza

Qualunque sia la vostra esperienza pregressa, è probabile che, in un cambiamento o in un inizio, oltre che davanti alle specificità della mansione che andrete a svolgere, vi troverete in ambienti nuovi e circondati da sconosciuti. Utilizzate i primi giorni per imparare a muovervi negli spazi, cercando di capire dove si trova cosa (bagno, mensa, cucina, sala riunioni, sala ristoro, macchinette..), chi sta dove (l’ufficio del capo, l’amministrazione, il vostro tutor..), quali siano i momenti di socializzazione e come avvengano. La vostra presenza sarà importante anche al momento della pausa caffè, o del pranzo, o nell’intervallo tra un turno e l’altro; non dovrete necessariamente sforzarvi di tenere banco o sgomitare per mettervi in risalto, ma presenziare con la buona intenzione di farvi conoscere gradualmente e, a vostra volta, fare conoscenza con i nuovi colleghi. La capacità di lavorare in team e di integrarsi comincia anche da qui, prima ancora che dalla condivisione di report o delle procedure legate alle attività quotidiane.

Fate domande


Che sia nel momento della spiegazione degli spazi aziendali, o della distribuzione del lavoro, o delle mansioni..che sia nella presentazione degli strumenti di lavoro, dei colleghi di scrivania, delle routine aziendali: fate domande. Non siate timorosi, non temiate di fare brutta figura, mostrate curiosità; un’unica raccomandazione: attenzione a non essere eccessivamente pedanti, lasciate parlare l’interlocutore senza strafare.

Siate voi stessi

Siete stati scelti, fra tanti candidati, dopo un lungo iter di selezione, per le vostre competenze, per le vostre soft skills, per le vostre caratteristiche specifiche individuali: non abbiate paura di non essere all’altezza. Cercate di integrarvi a poco a poco, ascoltando le indicazioni professionali che vi vengono avanzate, osservando i comportamenti agiti dai colleghi e adattandovi al contesto in cui vi trovate, ma..siate voi stessi. Non abbiate paura di lasciar emergere, con il tempo e con gradualità, i vostri comportamenti spontanei, ciò che amate fare, le vostre modalità relazionali con cui vi sentite maggiormente a vostro agio. Ricordate che le aziende sono costituite da persone e che sono proprio queste, ciascuna con il proprio bagaglio di esperienze -professionale e personale- a costituire la ricchezza, il fondamento e il valore aggiunto di ciascuna impresa!

 

*Photo Credits: http://acquisto.acquea.com

Condivisioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here