È stato pubblicato, qualche giorno fa, sul blog InVisibili del Corriere della Sera un articolo – di Simone Fanti – su 5 Azioni che Jobmetoo immagina per dare un impulso alla questione del lavoro delle persone con disabilità.

Nello specifico è un articolo che analizza in primis la legislazione attuale e l’obbligo che le aziende hanno di assumere persone con disabilità ed appartenenti alle categorie protette ed alcune proposte per far diventare l’obbligo di legge un’opportunità reciproca aziende/candidati.

I numeri parlano da soli: rispetto alla popolazione le persone con disabilità che hanno un’occupazione sono ancora pochi – come si evince dall’articolo di S. Fanti meno del 20% di persone con disabilità ha attualmente un lavoro, rispetto a quali il 60% della popolazione non disabile.

Quello che – ad oggi servirebbe – è fare in modo che la cultura, su questo tema, cambi… nei mesi precedenti è stata realizzata una campagna di attivazione sociale, creando un canale dedicato – LinkMeToo – presente su LinkedIn, per avvicinare il mondo della disabilità e le imprese.

InVisibili, avvalendosi della collaborazione di Daniele Regolo – fondatore di Jobmetoo, società di ricerca e selezione dedicata al recruiting di categorie protette e persone con disabilità – ha pubblicato 5 azioni che – secondo Daniele – potrebbero andare oltre l’obbligo di legge – previsto dall’attuale legge 68/99 – e fare in modo che venga stimolata una cultura di inclusione per persone con disabilità i cui parametri di giudizio dei recruiter dovrebbero essere basati – continua  Daniele – “esclusivamente sulle competenze e sulla reale compatibilità tra condizione del lavoratore e necessità dell’azienda e non sull’obbligo”.

Di seguito le 5 azioni in versione integrale, in un articolo di Superando.it

Condivisioni
Articolo precedente“Viaggio nel silenzio: un progetto di inclusione”
Ciao! Sono Joshua ed ho 31 anni; sono affetto da Osteogenesi Imperfetta, che è una patologia genetica alle ossa che le rende più fragili del normale. Vivo da sempre su una sedia a rotelle. Io non ho mai vissuto la disabilità come un “problema” o un limite alla mia vita. Certo, ho sempre – o quasi – avuto la fortuna di trovare persone, amici e conoscenti che mi hanno sempre permesso di vivere una vita interessante e dinamica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here