hospitability2015 Jobmetoo

Un tema importante, un argomento che sta molto a cuore Jobmetoo: la persona con disabilità vista in un’ottica di risorsa per lo sviluppo.

Una visione fondata sulla persona normodotata e una cultura della persona disabile poco sviluppata hanno dato vita ad una società che ha dovuto sempre mettersi in pari con le necessità altrui; è opportuno ricordare che il contesto definisce la disabilità, non la persona.

Tre giorni intensi, con ampi dibattiti e confronti, sono quelli che accoglieranno a Bomba, in provincia di Chieti, i partecipanti a Hospitability 2015. Un evento ricco e altamente inclusivo: la sala convegni del Museo Etnografico in via Roma 1 avrà diversi ospiti, tra cui Daniele Regolo. Il fondatore di Jobmetoo interverrà domani, venerdì 26 Giugno, all’evento, riportando la realtà lavorativa italiana e gli obiettivi che Jobmetoo si pone in quest’ambito: primo fra tutti l’equità nel mondo del lavoro.

Il dettaglio dei convegni è possibile visionarlo sul sito ufficiale della manifestazione, un’occasione per crescere culturalmente e conoscere una realtà, quella della disabilità, molto vicina ad ognuno di noi, ma ancora invisibile.

Economia e Mercato Hospitablity 2015 Jobmetoo

Condivisioni
Articolo precedenteIl colloquio in Jobmetoo: come prepararsi e come affrontarlo
Prossimo articoloRecruiter, il nuovo servizio Jobmetoo per le aziende e i candidati
Laurea in Scienze Politiche, poi un quindicennio di lavori disomogenei e frustranti a causa della mia disabilità uditiva grave. Ero per tutti un "bravo ragazzo", ma al momento di affidarmi un compito gli stessi giravano le spalle. Finalmente, grazie ad un concorso pubblico, arriva il posto fisso a tempo indeterminato come amministrativo in una azienda sanitaria. Fui assegnato al front office ospedaliero, mansione del tutto incompatibile con la mia sordità. Dopo alcuni anni veramente sofferti, la decisione di dimettersi: una decisione adulta, consapevole, serena. Quindi la scelta di essere un imprenditore per far diventare impresa il binomio che nella mia vita non aveva mai funzionato: lavoro e disabilità. "Nulla su di noi senza di noi" non è solo lo splendido motto delle persone con disabilità, ma il messaggio di speranza che muove verso l' autodeterminazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here