assistenza-sessuale-disabili-jobmetoo

Esistono numerosi tabù sulla disabilità, dalla gestione delle relazioni all’autonomia quotidiana, dall’aiuto costante che hanno bisogno (spesso un luogo comune) alla possibilità di uscire da soli.

La conoscenza della situazione e della persona disabile aiuta a comprendere meglio le abilità, i limiti e le capacità della persona stessa: avere un giudizio senza averlo riscontrato nella pratica in realtà crea un pre-giudizio.

Il tabù più grande è quello del sesso: ci si dimentica che prima della disabilità c’è la persona, con i propri interessi, necessità e bisogni. Da qui la nascita della figura dell’assistente sessuale per persone disabili: una figura fondamentale nella formazione e crescita della persona.

Il video in basso chiarisce in maniera concreta le necessità della persona disabile, non solo in merito alll’assistenza sessuale, e le situazioni da risolvere

Condivisioni
Articolo precedenteWeb reputation: come la mettiamo con Facebook e LinkedIn?
Prossimo articoloUna APP per rendere indipendenti i lavoratori con sindrome Down
Laurea in Scienze Politiche, poi un quindicennio di lavori disomogenei e frustranti a causa della mia disabilità uditiva grave. Ero per tutti un "bravo ragazzo", ma al momento di affidarmi un compito gli stessi giravano le spalle. Finalmente, grazie ad un concorso pubblico, arriva il posto fisso a tempo indeterminato come amministrativo in una azienda sanitaria. Fui assegnato al front office ospedaliero, mansione del tutto incompatibile con la mia sordità. Dopo alcuni anni veramente sofferti, la decisione di dimettersi: una decisione adulta, consapevole, serena. Quindi la scelta di essere un imprenditore per far diventare impresa il binomio che nella mia vita non aveva mai funzionato: lavoro e disabilità. "Nulla su di noi senza di noi" non è solo lo splendido motto delle persone con disabilità, ma il messaggio di speranza che muove verso l' autodeterminazione.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here